michele rotunno


Vai ai contenuti

Menu principale:


Leucocytes

Urinary Sediment Gallery



LEUCOCITI






(400x - campo chiaro) - Numerosi granulociti ed emazie ben conservate. E’ evidente la differenza tra i due tipi di cellule.




(400x - campo chiaro) - Granulociti ed emazie. Anche in questo caso le caratteristiche delle due popolazioni cellulari sono ben distinguibili.




(250x - campo chiaro) - Leucocituria ed abbondante batteriuria. Nella maggior parte degli elementi cellulari sono ben evidenti il nucleo polilobato e la caratteristica granulosità del citoplasma.




(250x - contrasto di fase) - Osservazione a contrasto di fase dell'immagine precedente.




(400x - campo chiaro) - Leucocituria a tappeto e batteriuria. Le caratteristiche dei granulociti sono ancora in parte evidenti.




(400x - contrasto di fase) - Osservazione a contrasto di fase dell'immagine precedente.




(400x - campo chiaro) - Numerosi granulociti; emazie ben conservate. I granulociti hanno qui un aspetto compatto, che impedisce, in molti elementi, l’identificazione del nucleo. Distinguerli dalle emazie, più piccole e pigmentate, è comunque facile.




(400x - campo chiaro) - Emazie ben conservate e granulociti. Anche in questo caso non è facile identificare il nucleo dei leucociti, ma i due tipi di cellule possono essere facilmente distinti.




(400x - campo chiaro) - Leucociti di aspetto compatto. In urine molto concentrate il nucleo e i granuli citoplasmatici possono non essere visibili, rischiando di indurre, ad un’osservazione affrettata, allo scambio di questi elementi con emazie.




(400x - campo chiaro) - In ambiente ipo-osmolare i granulociti si rigonfiano, e il nucleo diviene ben evidente.




(400x - contrasto di fase) - La prolungata permanenza in urine molto diluite porta alla distruzione dei granulociti. Si noti in questa immagine il rigonfiamento di numerosi elementi che prelude alla frattura della membrana cellulare.




(400x - campo chiaro) - Granulociti molto rigonfi con alcuni elementi in disfacimento. Il loro riconoscimento all’osservazione in campo chiaro può risultare difficoltosa.




(400x - campo chiaro) - Granulociti rigonfi in urine non fresche.




(400x - contrasto di fase) - Osservazione a contrasto di fase dell'immagine precedente.




(400x - campo chiaro) - Ammasso di granulociti non ben conservati.




(400x - contrasto di fase) - Osservazione a contrasto di fase dell'immagine precedente.




(400x - campo chiaro) - Granulocituria. Un colorante vitale (Sternheimer e Malbin) consente di mettere bene in evidenza la struttura degli elementi cellulari nucleati.




(400x - campo chiaro) - Granulocituria; colorazione di Sternheimer e Malbin.




(250x - campo chiaro) - Granulociti in disfacimento.




(250x - contrasto di fase) - Stesso campo dell'immagine precedente, a contrasto di fase Sono ben evidenti i frammenti di citoplasma che si stanno staccando dalle cellule.




(400x - campo chiaro) - Granulociti con fenomeni di estrusione.




(400x - contrasto di fase) - Osservazione a contrasto di fase dell'immagine precedente.




(400x - contrasto di fase) - Ammasso di granulociti in disfacimento, con fenomeni di estrusione.




(400x - contrasto di fase) - Granulociti in disgregazione, con formazione di sferule di materiale citoplasmatico e nucleare, che possono talora essere confuse con eritrociti.




(400x - campo chiaro) - Granulociti con forma allungata e protrusioni citoplasmatiche.




(400x - contrasto di fase) - Osservazione a contrasto di fase dell'immagine precedente.




(400x - campo chiaro) - Alcuni leucociti con nucleo difficilmente riconoscibile. Al centro una cellula con protrusione citoplasmatica caudata. Difficile la distinzione tra una cellula transizionale ed un granulocita.




(400x - contrasto di fase) - Osservazione a contrasto di fase dell'immagine precedente.




(250x - contrasto di fase) - Numerosi granulociti di aspetto comune ed alcune cellule caudate, simili ad elementi transizionali. Le piccole dimensioni e l’aspetto del nucleo, in alcuni elementi polilobato, ne fa sospettare la natura granulocitaria.




(250x - contrasto di fase) - Altri elementi con caratteristiche analoghe a quelle della figura precedente.




(400x - contrasto di fase) - In centro campo due granulociti presentano appendici filiformi, più evidenti nell'elemento di destra, in iniziale formazione in quello a sinistra. Si tratta verosimilmente di estrusioni.





(250x - campo chiaro) - Granulociti ed epiteli squamosi. In centro campo una cellula con protrusioni filamentose; è possibile che si tratti di un granulocita.




(250x - contrasto di fase) - Stesso campo dell'immagine precedente, a contrasto di fase In centro campo: è ben visibile la cellula di forma allungata, con terminazioni filamentose. Altre cellule con deformazioni analoghe ed evidenti protrusioni citoplasmatiche sembrano avere un nucleo polilobato.




(400x - campo chiaro) - Granulociti con protrusioni citoplasmatiche. Emazie ben conservate. Epiteli di desquamazione.




(400x - contrasto di fase) - Osservazione a contrasto di fase dell'immagine precedente.




(400x - campo chiaro) - Colorazione con May Grunwald Giemsa degli elementi precedenti, ai quali, per agevolare l’allestimento del preparato, sono state aggiunte delle emazie isolate. Per quanto non si apprezzino più buona parte delle protrusioni, si evidenziano bene i nuclei polilobati.




(400x - campo chiaro) - Alcuni elementi cellulari, verosimilmente granulociti, con attività fagocitaria nei confronti di miceti.




(400x - contrasto di fase) - Osservazione a contrasto di fase dell'immagine precedente.




(400x - campo chiaro) - Numerosi miceti; elementi cellulari in attività fagocitaria.




(400x - contrasto di fase) - Osservazione a contrasto di fase dell'immagine precedente.




(400x - campo chiaro) - Stesso campione delle immagini precedenti con aggiunta di colorante vitale (Sternheimer - Malbin).




(400x - campo chiaro) - Stesso campione delle immagini precedenti: la colorazione con May Grunwald Giemsa evidenzia l’aspetto polilobato dei nuclei.



Linfociti - Monociti




(400x - contrasto di fase) - Quattro piccoli linfociti, a confronto con due emazie, in una linfocituria.




(400x - contrasto di fase) - Altro campo dello stesso preparato di figura precedente, con piccoli linfociti ed emazie.




(400x - contrasto di fase) - Numerosi piccoli linfociti in una linfuria. Si noti la granulosità del fondo. Il contrasto di fase ha consentito qui di riconoscere, fochettando, pur con qualche difficoltà, nella maggior parte degli elementi, il nucleo tondeggiante e la piccola sottile corona di citoplasma.




(400x - campo chiaro) - Numerosi linfociti. Alcuni granulociti. La colorazione di Sternheimer - Malbin mette ben in evidenza i nuclei rotondi e la corona citoplasmatica di modesto volume dei linfociti. Si intravede il nucleo polilobato di alcuni granulociti. Altri elementi, per il loro cattivo stato di conservazione, non possono essere classificati con sicurezza.




(400x - campo chiaro) - Cellule epiteliali squamose, emazie. Alcuni elementi cellulari mononucleati. Un monocita, con caratteristico nucleo reniforme.




(400x - contrasto di fase) - Osservazione a contrasto di fase dell'immagine precedente.


Torna ai contenuti | Torna al menu